BLOG/Moda critica e sostenibile

Dopo la tragedia in Bangladesh: un appello della Campagna Abiti Puliti

Riceviamo dalla Campagna ABITI PULITI

Cari amic*, gasist*, attivist* dell’economia solidale
Ecco il secondo Comunicato Stampa della Campagna Abiti Puliti in relazione alla ennesima e più grande tragedia industriale mai avvenuta in Bangladesh (e tra la peggiori al mondo) dove hanno perso la vita almeno 370 lavoratori e lavoratrici. I media nazionali e stranieri stanno coprendo il caso e hanno dato forte risalto alle nostre posizioni, quanto è accaduto è troppo grave.
Stiamo seguendo il caso giorno e notte, in stretto contatto con i nostri partner, per essere tempestivi ed efficaci nel raggiungere il doppio scopo di ottenere giustizia per le vittime e fare in modo che tragedie come questa non abbiano a ripetersi.
Come vedete fra i marchi coinvolti c’è anche Benetton che nonostante le prove schiaccianti continua a negare ogni responsabilità.

Vi chiediamo di seguire la campagna e aiutarci a diffondere le notizie e i prossimi appelli che divulgheremo sul nostro sito e su FB
Vi chiediamo anche di aiutarci a preparare eventuali azioni di pressione territoriale, qualora Benetton non dovesse assumere alcuna responsabilità nei confronti dei lavoratori bengalesi e delle famiglie delle vittime.
Invitiamo inoltre i GAS e i gruppi disponibili a organizzare azioni territoriali in caso di campagna pubblica, a contattarci direttamente all’indirizzo info@abitipuliti.org

AbPulBang

Ecco alcune testate che hanno ripreso il nostro primo comunicato di venerdì scorso:

La Repubblica
Bangladesh, la denuncia: ”Quelle fabbriche fatiscenti’
Ai microfoni di Radio Capital parla Deborah Lucchetti, responsabile della campagna Abiti Puliti che da tempo denuncia le condizioni disumane in cui lavorano gli operai tessili del Bangladesh. Intervista di Andrea Lucatello. LEGGI SU REPUBBLICA.IT …

Il SOLE 24 ORE
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-04-26/bangladesh-crollo-palazzo-dacca-110601.shtml?uuid=Abk4IjqH

L’Unità
http://www.unita.it/italia/bangladesh-crollo-palazzo-tessili-benetton-operai-piani-sicurezza-lavoro-rivolta-dacca-dhaka-polizia-1.497015

Corriere della Sera
http://www.corriere.it/esteri/13_aprile_26/bangladesh-marchi-moda-responsabilita_6b3c490a-ae81-11e2-b304-d44855913916.shtml

Annunci

One thought on “Dopo la tragedia in Bangladesh: un appello della Campagna Abiti Puliti

  1. Pingback: Al via la campagna internazionale PAY UP!, per il risarcimento delle vittime del Rana Plaza | des|re

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...