BLOG/Social design

Anche la musica elettronica è un bene comune

Articolo di Marco Appiotti

Come persone interessate alla sostenibilità siamo “filiera corta”, “rifiuti zero”, “autoproduzione”. Ma rimaniamo pur sempre bellezza, poesia, musica. Come rete è nostro dovere essere curiosi e inclusivi: è necessario conoscere, scoprire, entrare in relazione con chi provoca dinamiche innovative.

Ebbene, sarà stato per la line-up che mixa locale e internazionale, o l’interessante scelta delle location, oppure per il sito ben curato e sempre aggiornato anche in pieno agosto, o anche per l’attraente progetto grafico – curato da Simone che, tra l’altro, vanta nel proprio curriculum un periodo di stage presso Adbuster: sta di fatto che quando mi è giunta segnalazione di ELEVA | Advanced music meetings – un festival di musica elettronica a base di dj set e performace live – mi è sembrato di percepire un modo diverso di intendere un evento nella nostra città (cioè, non il rodato, seppur benemerito, Giovanni Lindo a cavallo).

logosito3

Copertina

Così, ho voluto scavare al di là della superficie visibile: mi interessava conoscere le persone, approfondire le cause che avevano sortito quegli interessanti effetti. Entro dunque in contatto con gli organizzatori: nonostante gli ambiti dell’economia solidale e del clubbing appaiano distanti, l’accoglienza di Paris (ufficio stampa) e Andrea (direzione artistica) è stata più calorosa che cordiale e quest’ultimo ha accettato di buon grado di rispondere ad alcune domande da neofita.

Una rete ben organizzata
“Il direttivo del festival – spiega Andrea – è composto da otto persone, ognuna con una precisa mansione: età media 26 anni; con noi l’organico del circolo ARCI Tunnel di cui siamo soci. Ormai da alcuni anni organizziamo eventi e serate nei club, ma il festival è stata una sfida: abbiamo voluto coinvolgere gli staff che in quest’ambito gravitano in città per concorre insieme alla buona riuscita della manifestazione: ognuno con le proprie competenze, i propri contatti, il proprio pubblico”.  Dopo tre mesi di intenso lavoro e le prime due serate si può finalmente affermare: operazione riuscita.

Local & low-price
Tra gli artisti alcuni sono di fama internazionale, tanto che il festival poteva ambire a scene in città più importanti.  “L’abbiamo fatto a Reggio semplicemente perchè è la nostra città” è la logica, ma non scontata, risposta di Andrea. Che continua: “Ci interessava dimostrare che anche qui è possibile proporre musica di qualità. Ma anche far conoscere la ricerca e la sperimentazione che gli artisti mettono in campo. Il festival non vuole infatti limitarsi a una semplice fruizione, bensì proporre un percorso, un’esperienza musicale a tutto tondo”. In questo senso va letta la scelta delle location, reintepretazione di luoghi suggestivi della città, di cui alcuni ne sono memoria storica, altri simboli del futuro. “Con un evento che fosse economicamente alla portata di tutti”. A dire: senza dover andare a Bristol e con una manciata di euro tre date e workshop gratuito. Niente male per essere la prima esperienza.

elevacassetta

Sostenibili si diventa
“Ognuno di noi ha un lavoro e vive di quello, questo festival è frutto essenzialmente della passione che ci accomuna. Così, quando l’idea ha preso piede era già aprile e la mole di lavoro incombente” È sempre Andrea che parla: “Insomma, siamo arrivati un po’ lunghi, e non siamo riusciti a introdurre alcuni elementi, ancorchè ludici, che potessero far riflettere il pubblico sulla provenienza dell’energia che fa girare i piatti e alimenta gli amplificatori. La sostenibilità ambientale rimane comunque un argomento che ci interessa e che vorremmo introdurre in una seconda eventuale edizione”.

Sorseggio un’ultima birra nell’area lounge in mezzo a ragazzi vent’anni più giovani di me. Mi piacciono, perchè sono belli e ci sanno fare. Dopo il pienone nelle prime due serate, ELEVA si conclude sabato 7 settembre a Festareggio con una coda notturna al Tunnel. #staytuned

1174924_215132308651239_887358007_n

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...