BLOG/Spaesamenti

Nel quadrilatero delle agroenergie

Articolo di Vittorio Gimigliano

1240350_10200701985888268_1537440189_n

Il paesaggio rurale è sempre stato dinamico, mutevole, nelle sue stagionalità e nelle trasformazioni di colture e di mezzi di lavoro della terra. La campagna degli anni ’50, ad esempio, era densa e parcellizzata, tanto arborea quanto coltivata.
Ma è un viaggio in autostrada, un giorno di settembre, tra Piacenza, Alessandria, Santhià, Milano a farti scoprire un paesaggio rurale che cambia radicalmente ed irreversibilmente.
Chilometri, chilometri e ancora chilometri di distese di mais, di rarefazione della biodiversità agricola, tra cupole verdi di biodigestori: monocultura a perdita d’occhio.

Lungo l’Autostrada del Sole, e poi lungo il quarantacinquesimo parallelo, tra le cascine del Monferrato fino alle risaie del Vercellese che lentamente ed inesorabilmente cedono anche qui il passo all’agroenergia, e poi lungo la Torino-Milano, fin sotto il Monte Rosa, lungo la Strada Reale dei vini torinesi, tra cascine e lanifici ottocenteschi, e poi verso est oltre il Ticino, fino a Rho, a circondare l’area Expo, e quindi a lambire il Parco Sud di Milano e terminare tra Lodi e Piacenza, sulle sponde del grande fiume. Senza diversità alcuna, pura monotonia visiva, tra outlet, discount, megastore, il paesaggio passa alla scala XL e si veste mainstream. Il consumo di suolo generato dalla cementificazione, in confronto, è stata un’inezia.

Una devastazione ambientale, della biodiversità, mentre il contadino si trasforma in petroliere e la campagna diventa giacimento energetico, ed una contaminazione incontrollata dei suoli è necessaria per alimentare biodigestori, con la bolletta energetica, per finanziare le rinnovabili, che costa tre miliardi di euro in più all’anno, a tutto il Paese.
Paghiamo per distruggere il territorio, per contaminare la terra e le falde, per rinunciare alla sovranità alimentare, per cancellare le diversità agrocolturali e faunistiche.
Una vergogna senza fine.

Advertisements

One thought on “Nel quadrilatero delle agroenergie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...